Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie,consulta l'informativa estesa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Tecnologie per il futuro

Questa parte della mostra è dedicata alle ricerche svolte da diversi istituti e numerose strutture del Cnr che si occupano di mare e navigazione. Rappresenta inoltre un momento di riflessione per comprendere come il futuro e la salvaguardia degli oceani dipendano anche da noi, dai nostri comportamenti e dalle politiche che i nostri governi e le industrie decideranno di adottare.

La produzione mondiale di plastica è cresciuta in maniera esponenziale dagli anni Cinquanta ad oggi. Purtroppo, molta di questa plastica diventa velocemente rifiuto che, se non gestito correttamente, si disperde nell’ambiente. Tra questi rifiuti plastici circa 8 milioni di tonnellate finiscono nei mari di tutto il mondo, dove possono restare anche per qualche centinaia di anni prima di degradarsi completamente.

Plastica in mare

Mare

Con il termine energia dal mare si fa riferimento ad una serie di tecnologie, anche molto diverse tra loro, che sfruttano il potenziale energetico degli oceani.

Molte di queste tecnologie si trovano ancora in una fase di studio, ma le possibilità di sviluppo sono molto incoraggianti.

Robot marino

Gli oceani costituiscono un'immensa risorsa di cibo e di materie prime, ma sono ancora in gran parte inesplorati a causa delle difficoltà che l'uomo incontra ad operare in un ambiente così arduo da affrontare come quello marino.

La robotica marina è lo strumento che può aiutare l'uomo a vincere le sfide poste dall'esplorazione degli oceani e consentirgli di conoscere meglio, mettere a frutto e proteggere le enormi risorse in essi presenti.

In Italia il sistema della ricerca marina è rappresentato da nove Enti e Istituti, vigilati da tre Ministeri e da una vasta rete di Università vigilate dal MIUR. Oltre 2000 tra ricercatori e tecnici, impegnati nelle diverse discipline che caratterizzano la ricerca marina e marittima, dirigono e partecipano a progetti internazionali, europei e nazionali, dedicati alla comprensione dei principali processi che caratterizzano e guidano l’evoluzione dell’ambiente marino e costiero e allo sviluppo di nuove tecnologie per un uso sostenibile e moderno delle sue risorse.